Tipo: Attività | Località: Palazzo Pina Luz

Attività: Progetto Villaggio

Data di inizio attività 01 febbraio 2022 - Data di fine attività 01 dicembre 2022

Progetto Aldear!

Inizia il suo primo anno di attività con il sostegno della Pinacoteca de São Paulo e del MAC-USP. Parte del progetto internazionale Decay Without Mourning, Aldear! propone un dibattito su modi alternativi di concepire e salvaguardare le collezioni indigene. A tal fine, incoraggerà il dialogo sulle collezioni di manifestazioni estetiche indigene in istituzioni non indigene, case del sapere e musei gestiti da indigeni in Brasile.

Iniziato nel febbraio 2022, Aldear! è uno dei nuclei del progetto Decay Without Mourning: Future-thinking heritage practices, finanziato dal Riksbankens Jubileumsfond, insieme alla Fondazione Compagnia di San Paolo e alla Fondazione Volkswagen. Oltre alla ricerca incentrata sul patrimonio culturale indigeno brasiliano, Decay Without Mourning ha anche progetti sviluppati in Svezia, Sudafrica, Giappone e Antartide. In Brasile, ospitato dalla Pinacoteca de São Paulo e dal MAC-USP, il progetto si propone di far conoscere le iniziative che riguardano la tutela e il mantenimento delle manifestazioni estetiche indigene, riflettendo sulle perdite avvenute nei processi di produzione e conservazione nel contesto coloniale. Il progetto si occupa anche delle forme di resistenza che i popoli indigeni hanno creato durante il processo di colonizzazione, incluso l'ingresso in spazi e istituzioni museali, e come questi popoli hanno riflettuto sul modo in cui vogliono occupare queste istituzioni.

In comune, la ricerca in Decay Without Mourning: Future-thinking heritage practices muove dalla problematizzazione del discorso della perdita negli studi sul patrimonio, cercando di realizzare un cambio di paradigma: affrontare i processi di conservazione non come retroguardia contro la perdita, ma come possibilità di innescare processi generativi e creativi.

“Intendiamo conoscere e riconoscere le iniziative, ma anche, in questo processo, costruire alleanze con i percorsi alternativi proposti da questi agenti e gruppi indigeni. Vogliamo lavorare insieme, riflettendo sulle possibilità e sui modi di mettere la nostra esperienza di ricercatori, artisti, curatori e comunicatori a favore di questo dibattito”, spiega la storica dell'arte e coordinatrice brasiliana del progetto Fernanda Pitta. Oltre a lei, l'Aldear! è composta dagli artisti e ricercatori Naine Terena e Bruno Moreschi che, in maniera interdisciplinare, costruiscono proposte sul tema delle collezioni delle istituzioni culturali, delle loro forme di accesso, diffusione e costruzione di dialoghi con i gruppi indigeni. Thierry Freitas, del team curatoriale della Pinacoteca, sarà responsabile del monitoraggio del progetto presso l'istituzione.

Naine Terena commenta che l'idea dell'insediamento di villaggio è legata al movimento degli indigeni in diversi campi, compreso il movimento indigeno organizzato. Nel progetto, l'agglomerato è un modo di pensare al decadimento/decadimento dei sistemi di pensiero e alla protezione del patrimonio indigeno, che simboleggia il movimento di insurrezione delle contro-narrazioni dei popoli originari. Afferma la ricercatrice: “Ho seguito molte iniziative, osservando il dibattito sulle manifestazioni estetiche indigene. Cerco di non riassumere l'etimologia della parola estetica in un unico campo di pensiero, né di chiudere le manifestazioni indigene nel campo specifico dell'arte occidentale e dei suoi linguaggi. Il ricercatore afferma inoltre: “Sentire, percepire, sperimentare sono alcune delle possibilità per visualizzare il dibattito intorno alle manifestazioni, che ci aiuta a percepire i diversi modi in cui le popolazioni indigene esistono nel mondo – sia attraverso canti, balli, oggetti – tutto ciò che manifesta la presenza indigena, la sua memoria e le sue storie”.

Sempre secondo Naine, “l'importante è capire che le definizioni sono proprie di ogni popolo. Non intendiamo creare o collocare queste manifestazioni all'interno di concetti o termini che non condividano il pensiero di chi ha prodotto e continua a produrre questo villaggio, che addirittura riflette e si pone in relazione a quello che io chiamo il disincanto delle istituzioni museologiche, soprattutto quelli che conservano grandi collezioni indigene”, conclude.

Bruno Moreschi sottolinea la necessità di costruire soluzioni in collaborazione con i gruppi e le persone coinvolte nel progetto, al fine di soddisfare sempre esigenze basate su specificità interne. “Un esempio di questo è la questione dei database. In alcune conversazioni, abbiamo individuato questa esigenza comune di registrare e far circolare parte di queste manifestazioni estetiche indigene, che ora si trovano nei musei, o addirittura all'interno delle comunità stesse. Ma questi depositi hanno senso solo se costruiti sulla base di bisogni specifici, definiti dagli indigeni”, spiega l'artista.

I lavori sono iniziati con un primo evento che si è svolto dal 03 al 07 marzo 2022 a Città del Capo, in Sud Africa, con la presenza di squadre provenienti da tutti i Paesi citati. Durante il suo primo anno, Aldear! tiene conversazioni con gruppi e istituzioni indigene che stanno attualmente lavorando con collezioni e sviluppando strategie di conservazione.

Verso la fine del 2022, un incontro alla Pinacoteca de São Paulo, tra il 16 e il 18 novembre, riunirà gli indigeni interessati al problema e a rafforzare le diverse percezioni sull'idea di degrado, perdita e conservazione. La partecipazione a questo incontro avverrà su invito e attraverso una forma di intenzione di partecipazione ampiamente pubblicizzata. L'incontro sarà integrato da una tavola rotonda aperta al pubblico il 18 novembre 2022.

La Pinacoteca dello Stato di San Paolo e il tema indigeno

Nel 2020, la Pinacoteca de São Paulo ha tenuto la mostra di arte indigena - Véxoa: Nós Sabe, a cura di Naine Terena, nell'ambito del progetto OPY, premiato con il premio Sotheby's, come parte di un processo di revisione della sua collezione e della politica del museo in relazione alle manifestazioni estetiche indigene è iniziata nel 2017. L'assenza di collezioni indigene presso la Pinacoteca, che fino al 2019 aveva nella sua collezione solo un'opera di un artista indigeno, è stato il punto di partenza di questo processo di riflessione, che ha dato vita a una serie di azioni come la realizzazione di Véxoa, oltre all'incremento della presenza indigena nelle collezioni del museo, che oggi conta trentaquattro opere di quindici artisti e gruppi. Anche il coinvolgimento di artisti indigeni nelle residenze artistiche, nella programmazione di mostre e nei programmi educativi sono azioni in costruzione in questo momento. Aldear!, composta da Naine Terena, Fernanda Pitta e Bruno Moreschi, è gestita dalla Pinacoteca de São Paulo e coordinata da Fernanda Pitta, che è stata curatrice dell'istituzione fino al 2022, ed è ora docente presso il Museo di Arte Contemporanea dell'Università di San Paolo, istituzione che è anche partner dell'iniziativa.

MAC-USP e il tema indigeno

Nonostante la presenza centrale che le manifestazioni estetiche indigene hanno nelle narrazioni dell'arte moderna e contemporanea in Brasile, non c'è quasi nessuna presenza di artisti e produzioni indigene nei musei d'arte del paese. La storia del rapporto tra MAC-USP e l'arte indigena è influenzata dall'opera di Walter Zanini, che ha promosso la discussione sull'allargamento dei confini delle manifestazioni estetiche nella contemporaneità. Questo dibattito ha riconosciuto l'importanza dell'arte indigena, attraverso pubblicazioni e mostre temporanee, ma non è stato portato avanti dai popoli originari. MAC-USP ha oggi la sfida di ascoltare i soggetti indigeni sul debito storico dei musei d'arte in relazione alle loro manifestazioni estetiche, e di costruire alleanze per rafforzare il protagonismo di artisti, curatori e agenti culturali indigeni, nella conservazione, valorizzazione e l'affermazione della presenza di manifestazioni estetiche autoctone nei musei d'arte, al fine di stabilire linee guida per future iniziative condivise. Nell'ambito di Aldear!, il museo promuoverà il dialogo con i gruppi indigeni legati al progetto, al fine di discutere la sua collezione, il suo programma espositivo e educativo, problematizzando il rapporto tra la storia dell'arte in Brasile e le manifestazioni estetiche indigene, riflettendo sulla differenza che questo Museo, la sua collezione (presente e futura), la sua ricerca ei suoi programmi pubblici possono fare per i gruppi/indigeni coinvolti.

Per maggiori informazioni:

Decadimento senza lutto: pratiche del patrimonio del pensiero futuro

Lize-Marie Hansen van der Watt, KTH Royal Institute of Technology, Svezia

Lizabe Lambrechts, Università di Stellenbosch, Sudafrica

Fernanda Pitta, MAC-Università di San Paolo, Brasile

Finanziato dal Riksbankens Jubileumsfond, GI21-0001 https://www.facebook.com/groups/1166755847226205

Fotografia

-

-

Immagini: Christina RufattoIsabella Matheus

Iscriviti alla nostra newsletter

e segui il nostro programma

.

    Cliccando su "Accetto tutti i cookie" o proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti al
    memorizzare i cookie sul tuo dispositivo per migliorare l'esperienza e la navigazione del sito.
    Consultare a Privacy Policy per maggiori informazioni.

    Accetta tutti i cookie