Tipo: Mostre | Località: Palazzo Pina Luz

Data di inizio della mostra 08 ottobre 2022 - Data di fine della mostra 09 aprile 2023

Mostre: Lenora de Barros: La mia lingua

Curata da Pollyana Quintella, la mostra ha uno schema concettuale che si concentra su opere che discutono del rapporto tra corpo e linguaggio, in un arco che aggrega dai lavori dall'inizio della sua carriera a una commissione prodotta appositamente per l'occasione, includendo anche produzioni iconiche come “Poema” (1979) e la serie “Procuro-me” (2003). 

Riunendo circa 40 opere dell'artista visiva di San Paolo, che utilizza come supporto fotografia, video, installazione e performance, la mostra riunisce pezzi come “Homenagem a George Segal” (1975-2014) — un suo lavoro emblematico produzione, frutto di un lavoro scolastico che criticava la società dei consumi, ispirandosi alle espressioni delle opere dell'omonimo scultore. 

Un'opera inedita commissionata appositamente per la mostra “A cara. La lingua. The womb” (2022), un video composto da tre atti in cui Lenora esplora diverse situazioni con l'argilla in dialogo con il proprio corpo. 

L'ORGANIZZAZIONE  

La mostra è stata organizzata in stretto dialogo con la mostra Pinacoteca: collezione — nuovo assemblaggio della collezione del museo, inaugurata nell'ottobre 2020, tenendo conto che nel 2022 il Paese celebrerà il centenario della Settimana d'Arte Moderna e il bicentenario della sua Indipendenza.  

Uno dei punti salienti è l'opera Poema (1979), che fa parte della collezione del museo, una donazione dei Patrons of Contemporary Art della Pinacoteca de São Paulo 2018. fotografia in sei atti che documentano un incontro intimo e conflittuale tra corpo e macchina. 

A proposito di Lenora de Barros  

Lenora de Barros (1953, San Paolo, dove vive e lavora) è supportata da fotografia, video, installazione e performance. Ha tenuto mostre personali e collettive in rinomate istituzioni come il Centro Universitario Maria Antonia (San Paolo), l'Imperial Paço (Rio de Janeiro), il Museo di Arte Moderna di Rio de Janeiro, Casa Daros (Rio de Janeiro), il Cultural Centre Banco do Nordeste (Fortaleza), Fundação Proa (Buenos Aires), Triennale Poly/Graphic 2012 di San Juan, Biennale di Lione 2011, 29a, 24a e 17a Biennale di San Paolo, 7a e 5a Biennale del Mercosur (Porto Alegre), il Museo della Città di Lisbona. Le sue opere fanno parte delle collezioni del Museu d'Art Contemporani de Barcelona, ​​​​di Daros. 

Latinoamerica, il Museo d'Arte Moderna di San Paolo e il Centro Culturale di San Paolo. Laureata in linguistica presso la Facoltà di Filosofia, Lettere e Scienze Umane dell'Università di São Paulo (FFLCH/USP) negli anni '1970, Lenora ha inizialmente esplorato la parola sotto forma di testo. Ha lavorato in importanti veicoli di comunicazione, come Jornal da Tarde, dove, tra il 1993 e il 1996, ha curato una rubrica sperimentale settimanale. 

ingresso 

Intero: R$ 20,00
Calzino: R$ 10,00

Maggiori informazioni  

La mostra “Lenora de Barros: My Language” è sponsorizzata da Bradesco. 

La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue, un video con la partecipazione del curatore e dell'artista e un tour virtuale. 

Servizio 

Località: Pina Luce
Data: 27 agosto 2022 — 30 gennaio 2023
Indirizzo: Praça da Luz, 2, Bom Retiro, San Paolo — SP

Fotografia

-

-

Immagini: Isabella Matteo

Materiale

Video

Tour virtuale

Iscriviti alla nostra newsletter

e segui il nostro programma

.

    Cliccando su "Accetto tutti i cookie" o proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti al
    memorizzare i cookie sul tuo dispositivo per migliorare l'esperienza e la navigazione del sito.
    Consultare a Privacy Policy per maggiori informazioni.

    Accetta tutti i cookie